Home > Libri > L’enigma di John Fowles

L’enigma di John Fowles

4 Ottobre 2012

Può un individuo sparire nel nulla, senza lasciare tracce, generando intorno alla sua scomparsa un mistero assoluto? Non bisogna avere grosse capacità divinatorie per dare senso affermativo alla domanda, se non altro perché sulle pagine dei giornali si parla del fenomeno in continuazione, si scompare per motivi politici, volontariamente o per arbitrio altrui, si scompare a tutte le età, si parla di bambini sradicati dalle loro famiglie da mani che li ghermiscono all’improvviso, di  professionisti che lasciano tutto per cominciare una nuova vita, di corpi venduti, ed in molte circostanze il mistero viene svelato, ma, in ogni caso, nella maggior parte dei casi le famiglie conducono le loro esistenze in costante attesa almeno di un corpo da commemorare. Faccio questi pensieri leggendo lL’enigma di John Fowles, e mi rendo conto che se nell’ambito delle scomparse si regista una scelta democratica dei protagonisti dal punto di vista anagrafico e delle circostanze, non è altrettanto vero che lo stesso criterio democratico riguardi gli ambiti elitari dell’aristocrazia economico – sociale, se a scomparire è un miliardario o una star del cinema la questione si risolve in poco tempo: o il fuggiasco viene riacchiappato o comunque se ne conoscono le sorti, nei casi in cui un rapimento si concluda con la morte dell’ostaggio, per esempio. Il racconto che ho tra le mai ha come protagonista una scomparsa, la scomparsa di un uomo dalle forti ricchezze, impegnato politicamente ad alti livelli con famiglia sofisticata a seguito, sulla carta molto soddisfatto per la vita privilegiata che conduce e con progetti a lungo termine. Di  quest’uomo si perdono le tracce e lo scompiglio che la cosa genera porta ad una serrata ricerca più che dello scomparso delle motivazioni che possano averlo allontanato, quindi l’analisi va riportata alle implicazioni psicologiche generate dalla scomparsa stessa che rendono l’eventuale ritrovamento del nostro protagonista un evento contingente, mi fermo qui buona lettura

I commenti sono chiusi.